Gaetano.

Gaetano è un pastore lucano di mucche podoliche. Nel cuore della Murgia materana alleva le sue grandi bestie, le chiama per nome una per una e ne conosce il carattere come fossero persone. Queste sono i veri difensori della natura, mi dice mentre le lega con un nodo speciale alle zampe e poi le munge a mano, allontanando i vitelli che vanno a succhiare le mammelle. Niente macchinari. Gaetano ha due grosse manone con cui munge, fa il formaggio, intreccia corde per legare le sue provole e i caciocavalli, prepara i campanacci per le sue mucche, stringe la mano quando ti accoglie e ti saluta col suo bel sorriso sereno e gentile. Ridha è un giovane uomo tunisino che lavora con lui, con il "maresciallo", come lo chiama. Gaetano ha uno sguardo schivo e timido, la voce profonda, una sua eleganza e calma, vive a Matera da quarantadue anni. Da giovane faceva la guardia forestale: una vita nella natura e per la natura. Un lavoro duro e fatto con passione e maestria, gesti lenti, forti e sapienti. Un uomo che resiste al progresso, alla modernità. Uno degli ultimi veri pastori di questa splendida terra.

Matera, 01 maggio 2016.

© Carmelo Eramo

Facebook Instagram share